lunedì 19 settembre 2011

Monza: mezza abbondante e bagnata

Le previsioni purtroppo non sbagliavano e nonostante il mio ottimismo ci troviamo in direzione di Monza sotto un diluvio incessante. Siamo ben 26 atleti dell'Avis Oggiono per questa prima gara del dopo ferie e per me è l'occasione per testare l'attuale stato di forma. Se in montagna non ho lesinato le energie per scorrazzare sù e giù dai monti, ho ritrovato al rientro tanta afa e temperature torride che mi hanno costretto a disertare la maggior parte delle uscite in programma. Un vero e proprio nubifragio ci accoglie al parcheggio dell'autodromo e arriviamo agli spogliatoi già bagnati fradici. Dire spogliatoi è un parolone: gli oltre 2800 iscritti si ritrovano infatti accalcati in un box dove è quasi impossibile allacciarsi le scarpe! Fortunatamente la pioggia ci concede una pausa e ne approffittiamo immediatamente per fare un minimo di riscaldamento ma è già ora di raggiungere le griglie di partenza. Qui ritrovo con piacere l'amico Kicco deciso a dare il massimo in questa mezza. Dopo almeno 10 minuti di ritardo, ecco finalmente il semaforo verde che segnala la partenza della gara: io prendo il passo della massa che però capisco essere da subito troppo elevato.

Contemporaneamente si scatena un vero e proprio nubifragio che in pochi minuti trasforma la pista dell'autodromo in un fiume d'acqua. La prima sorpresa arriva all'attraversamento del sottopasso dove la pioggia ha formato una pozza gigantesca di circa 30 cm. di altezza! La seconda sorpresa arriva al 6° km dove ci accorgiamo che il percorso è stato allungato per evitare troppi sottopassi allagati... A questo punto mi lascio un pò demoralizzare e calo vistosamente di velocità subendo diversi sorpassi. Finalmente smette di piovere e mentalmente cerco di ritrovare un pò di carica e di autostima trovando così le forze per accelerare.
Dopo il 13° km, inizio a superare qualche avversario un pò a corto di energie e questo mi ricarica mentalmente: proseguo ad una buona andatura per 5 o 6 km superando diverse persone finchè sul Garmin leggo che mancano solo 2 km ai canonici 21 della maratonina. Peccato però che, causa l'allungamento del tracciato, il cartello a bordo strada segni solo il 18° km !! Mentalmente è una mazzata, ma stringo i denti e cerco di non calare l'andatura mentre più avanti intravedo Kicco. Nonostante la voglia di raggiungerlo, riesco solamente ad avvicinarlo e tagliare il traguardo 5 secondi dopo di lui chiudendo in 38° posizione assoluta.

Un misero pacco gara e l'ennesimo nubifragio metteranno fine a questa prima gara del dopo ferie. Mi resta la soddisfazione di avere reagito bene nella seconda metà di gara riuscendo a recuperare parecchie posizioni, segno di uno stato di forma non proprio scarso come temevo. Ed ora è tempo di pensare al prossimo impegno: la Como-Valmadrera!

6 commenti:

  1. giornataccia. mai vista cosi tanta acqua

    RispondiElimina
  2. Sulla gara ci siamo già detti tutto ieri comunque concordo con te sul tuo stato di forma buono visto l'ottima rimonta che hai fatto e ieri non era facile come sai benissimo!
    Ciao mitico in bocca al lupo per la Como-Valmadrera!

    RispondiElimina
  3. @Nino: un conto è vederla e un altro è prenderla...

    @Kikko: è stata dura ma alla fine sono soddisfatto. La prossima volta spero di incontrarti ad una maratona!

    RispondiElimina
  4. MA MAUROB2R DICE CHE LA MEZZA ERA PIU' LUNGA DI 1KM? A TE COSA HA DETTO IL GARMIN? UOMO CMQ SEI SEMPRE FURIOSO

    RispondiElimina
  5. e chi dice che l'ho solo vista ??

    RispondiElimina
  6. bravo paolo , con un tempo del genere hai corso bene.... in bocca al lupo per la co val

    RispondiElimina