venerdì 8 gennaio 2010

La mia prima gara del 2010




Era da un pò che ci pensavo: la faccio, non la faccio.... all'ultimo minuto ho deciso di iscrivermi più per motivazioni affettive che per altro: sto parlando infatti della 1° Maratonina di Annone Brianza, mio paese di infanzia. Avevo già ispezionato il tracciato qualche giorno prima, percorrendo il primo dei 2 giri da 10,5 km. e un pò di emozione mi si è presentata pensando a come sarebbe stato correre una vera gara competitiva su quel percorso del quale conosco ogni singolo centimetro. E' così che dopo avere attentamente consultato le previsioni meteo, ho aggiunto il mio nome alla lista dei partecipanti. Prima della partenza c'è il tempo per salutare vecchi amici, parenti e conoscenti che mi incitano e mi augurano una buona corsa. Anche tra i 260 partecipanti alla gara rivedo molti volti conosciuti e individuo tra di loro alcuni tra i più forti atleti della zona.
Al via parto a razzo. Cerco di tenermi a ruota dei primi aiutato anche da una lieve discesa, ma già alla prima salitella in centro al paese perdo alcune decine di metri. Ora il percorso spiana e cerco di recuperare mettendo un pò in affanno il respiro. Costeggiando il campo di golf, un lungo falso piano porta fino al Dosso di Coroldo ( l'ex residenza di Lucio Battisti che ora è sepolto nel vicino Cimitero di Molteno). Lo supero e mi avvio verso il giro di boa dove incrocio già i primi della fila capitanati da Colnaghi che li precede in solitaria. Ne conto una dozzina davanti a me ma mi rendo conto che sto facendo fatica a tenere quel ritmo. Rifaccio ancora il Dosso in senso inverso e mi avvio nuovamente verso Annone costeggiando il Golf Club. Il primo giro è quasi concluso: lo supero e dò un'occhiata al cronometro che riporta 39':45"  alla media incredibile di 3':44" al km! Mi rendo conto che il secondo giro sarà un calvario e in effetti pagherò con gli interessi questo ritmo sconsiderato. Iniziano a superarmi gli avversari e non ho la forza di tenerli. Alla mente mi ritorna la fatica di Venezia quando adottai la stessa tattica sconsiderata. Inutile adesso soffermarmi  a raccontare la fatica e l'affanno di questo secondo giro che mi è costato quasi 2' e mezzo in più del primo! Arrivo al traguardo in 1h:22':10" (24° assoluto) che per me è comunque un buonissimo tempo ma col rimorso di avere speso troppe energie nel primo tratto. La gara è stata vinta dal fortissimo Pietro Colnaghi in 1h:09':45" che ha staccato Ratti di quasi 4 minuti. Per quanto riguarda la classifica femminile, la gara è stata vinta da Paola Testa in 1h:24':10". In conclusione è stata una gara che mi ha portato un pò di ottimismo in vista di questo nuovo anno e la consapevolezza che i buoni risultati si raggiungono sicuramente con un buon allenamento ma che non possono prescindere da una tattica di gara accorta ed intelligente!

 Vedi qui il Filmato della gara su Podisti.net

2 commenti:

  1. complimenti 1h22' è un tempone!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo risultato, e considerando che ti senti di poter far meglio penso che puoi essere molto soddisfatto!

    RispondiElimina